LaGioiaCheMiDo

…non basta mai.


2 commenti

Quando sei arrivato, profumavi di sottobosco.

Ascolto Ludovico Einauidi – Lontano

Elia

Quando sei arrivato, profumavi di sottobosco.

Ero dentro i tuoi occhi, nel nostro primo sguardo.

Sei atterrato lontano dalle mie braccia ma eri già dentro il mio cuore, da sempre.

E’ stato faticoso, molto faticoso, capirti e la sintonia è arrivata dopo lacrime e paure.

Ma adesso siamo una squadra, pronta a goderci il mondo intero!

Le tasche piene di sassi rendono più leggero e bello ogni mattino.

Vedo il filo rosso che ci unisce e ti permette di volare, in alto, come un aquilone arcobaleno.

Il tuo profumo sulla mia pelle e la vita che ci avvolge di gioia.

Grata di esserti Mamma e riscoperta come figlia nuova di altro.

Oggi c’è il sole e so che la sua luce sarà sempre su di te, così come il mio Amore.

 

Auguri, piccolo mio!

Buon quarto compleanno!

La tua Mamma

 


Lascia un commento

Le tasche piene di sassi

“Sono solo stasera senza di te,
mi hai lasciato da solo davanti a scuola,
mi vien da piangere,
arriva subito,
mi riconosci ho le scarpe piene di passi,
la faccia piena di schiaffi,
il cuore pieno di battiti
e gli occhi pieni di te.”

(Le tasche piene di sassi – Jovanotti)

Sto svuotando le mie tasche da sassi pesanti come macigni.

Dimentico i tanti schiaffi che fanno ancora male.

Cancello le umiliazioni da bambina e gli insulti da donna.

Anniento le botte ricevute trasformandole in carezze.

Sposto lontano il bisogno di amore che mi è stato negato.

Tanta fatica e il cuore pesante.

Cerco la forza dentro la mia nuova vita.

Perchè me lo merito.

Io mi perdono.

Mi perdono perchè me lo merito.

Io mi perdono perchè nessuno lo può fare al mio posto.

Mi perdono per tutto il male che ho subito.

Mi perdono perchè quando ero debole nessuno è venuto a prendermi.

Mi perdono perchè la mia nuova vita mi aspetta.

Mi perdono per la mia nuova famiglia che mi merita felice.

Felice per sempre.

Per me e per loro.